Lu Monferrato

Si trova nel Basso Monferrato Casalese e occupa una superficie di 2170 ettari, con una popolazione di circa 1200 abitanti. Dal punto di vista geografico, Lu è al centro di due triangoli: a circa 20 chilometri da Alessandria, Casale Monferrato e Asti e a circa 100 chilometri da Torino, Milano e Genova.
Lu ha assistito a insediamenti celtici, romani, franchi, seguiti poi dal dominio degli Aleramici, dei Paleologi, dei Gonzaga, dei Savoia. La prima attestazione del paese è del 1028, dove compare con il nome di Lugo. L’attuale paese di Lu nasce nei secoli XI-XII come curtis (azienda agricola organizzata) sul più alto dei colli circostanti, diventando poi nel XIII secolo un vero e proprio castrum (deposito agricolo e baluardo militare) e infine un borgo con piazze, rioni e chiese, il tutto racchiuso da un’ampia cinta muraria. Essendo strategicamente ubicato sulla più alta collina del basso Monferrato Casalese, è stato possesso ambito da vari nemici che si sono affrontati provocando spesso distruzioni e miseria (come il conflitto tra Paleologi e Marchese di Saluzzo nel Trecento e il conflitto franco-asburgico nel Cinquecento). Nonostante le distruzioni dei vari predoni, la struttura urbana si è mantenuta abbastanza integra fino ai giorni nostri, e dà modo di riconoscere strade, palazzi, contrade e chiese citate nei documenti antichi.

Lu Monferrato

It is located in the Basso Monferrato Canavese area and occupies a surface of 2170 hectares, with a population of about 1200 inhabitants. From a geographical point of view, Lu is at the center of two triangles: about 20 kilometers from Alessandria, Casale Monferrato and Asti and about 100 kilometers from Turin, Milan and Genoa.

Lu witnessed Celtic, Roman and Frank settlements, followed by the domain of the Aleramici, Paleologo, Gonzaga and Savoy’s families. The first written attestation of the country dates back to 1028, where it is called with the name of Lugo.

The present town of Lu was born in the XI-XII centuries as curtis (organized farm) on the top of the surrounding hills, then becoming, in the thirteenth century, a real castrum (agricultural warehouse and military stronghold) and finally a suburb with squares, districts and churches, all enclosed by a wide circle of walls.

Being strategically located on the highest hill of the Basso Monferrato Casalese, various enemies were aiming at it, and all these fights often caused destruction and misery.

In spite of all these events, the urban structure has been kept quite intact and today we can recognize churches, streets and buildings right as they are quoted in the ancient documents.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.